Loading...
Territorio /
Cenni storici

Progetto recupero piante da frutto

Ancora una volta una piccola località montana del nostro Friuli si distingue nella capacità di  arricchiere e valorizzare il senso di appartenenza alla propria terra. 
Questo succede a Porzus, dove la Pro Loco Amici di Porzus sa dare ascolto e accogliere le idee dei giovani. Da questi presupposti è partito nel 2014, il progetto “Recupero antiche varietà di piante da frutto” seguito a cura della Dott.ssa Selena Tomada, laureata in Scienze e Tecnologie Agrarie che dalle sue parole traspare l’attacamento alla sua comunità: la vera libertà è avere radici. Poter viaggiare, imparare e poi tornare a casa, nel proprio piccolo paese di montagna è mettere in pratica le proprie esperienze.
Guardando al proprio passato infatti,a  Porzus piccolo paesino situato nella Slavia friulana, da sempre nota come crocevia di popoli e tradizioni, venivano coltivate molte varietà di fruttiferi, sia per l’autoconsumo che per il commercio, ma ad oggi si possono ammirare solo alcune piante maestose nei prati antistanti il paese. Per non perdere quello che è un pezzo di storia della piccola comunità, si sta tentando il recupero delle varietà rimanenti di ciliegio, melo, pero e susino. Alcuni esempi di questo patrimonio sono le mele zeuka e “te zimske”, la ciliegia durieža e poi diverse specie di Prunus come češpe, cimber e slive.
Nel 2014, grazie all’adesione dei membri della comunità è stato possibile ricevere da parte del Vivaio Forestale Regionale “Pascul” di Tarcento, le piante selvatiche da impiegare come portainnesti; nel mese di Marzo 2015 si sta completando la messa a dimora degli astoni nei terrazzamenti che circondano Porzus e la potatura delle piante madri, dalle quali nel 2016 verrà poi prelevato il materiale per gli innesti. Il progetto prevede la mappatura GPS di tutte le piante, che verranno poi corredate da una scheda tecnica. Affiancato al lavoro pratico di campo c’è poi una parte di interviste alle persone più anziane e di ricerca bibliografica, per cercare di assegnare un nome ad ogni varietà che verrà propagata. Un progetto impegnativo e a lungo termine ma che potrà dare in futuro grandi soddisfazioni. 
Non nasconde la propria soddisfazione il Presidente Turco Luciano: “essere affiancato non solo da amici ed estimatori delle nostre attività ma da questa nuova generazione di giovani figli della nostra comunità che ci stanno stimolando con idee e progetti e ben ci fa ben sperare in una continuità. 
Ulteriori iniziative? Seguendo sempre l’ampio spettro di iniziative legate alla nostra specificità che è la tutela del patrimonio naturalistico sarà presentato al pubblico, ma ne daremo ampia divulgazione, una produzione editoriale curata dal Dott. Valentino Casolo, da sempre al nostro fianco come esperto botanico, docente dell’Università di Udine, Il BORGO DI PORZÛS:

TRA PRATI E CIELO - L’EQUILIBRIO TRA UOMO E NATURA NELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO


Questa pubblicazione nasce dalla collaborazione tra la Pro Loco Amici di Porzûs e il Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’Università degli studi di Udine e il sostegno di pateners pubblici e privati.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie presenti sul Portale.
Ulteriori informazioni